Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Create a Joomla website with Joomla Templates. These Joomla Themes are reviewed and tested for optimal performance. High Quality, Premium Joomla Templates for Your Site

Iscr. OAM n. A3761 - Rui sez. E n. E000281193 - P. IVA 03266460785

Tel. 0983 885056 - Cell. 349 0608750 Contattaci

Cessione del quinto

Che cos’è e per chi è?

È un prestito tutelato dalla legge in base al decreto numero 180 del 5 gennaio 1950.

 

È dedicato a tutti i Lavoratori Dipendenti, con contratto a tempo indeterminato e ai pensionati, la restituzione mensile avviene mediante trattenuta sulla busta paga del dipendente o della pensione, di una quota non superiore a 1/5 della retribuzione netta mensile, che sarà versata a favore dell’Istituto Finanziario. Il prestito prevede, la presenza di una società di assicurazione che garantisca, in caso di morte o di perdita del posto di lavoro del dipendente, il rimborso del capitale residuo all’Istituto Finanziario. Essendo un prestito previsto per legge è un diritto del lavoratore dipendente che non può essere negato dal datore di lavoro. La Cessione del Quinto è una soluzione efficace, sicura e conveniente, studiata per rispondere alle piccole e grandi necessità dei clienti. Può coesistere con altre trattenute in busta paga purché la somma delle trattenute non superi il 40% dello stipendio netto.

Quali sono le caratteristiche?

Il quinto è dedicato all’acquisto di beni, strumenti e servizi di varia natura. L’importo viene calcolato in base al quinto del tuo stipendio o della pensione, il tasso è fisso e sarai tu a scegliere la durata del prestito.

tipologia mutuo

SCOPO

Acquisto di beni e servizi, liquidità, estinguere altri finanziamenti

tasso

PERCENTUALE 
FINANZIABILE

In base al quinto dello stipendio o pensione

durata

DURATA

Fino a 10 anni

tasso

TASSO

Fisso

Calcolo quinto cedibile per Dipendenti:
si considera lo stipendio lordo indicato in busta paga e si sottrae il 27% per imposte e tasse.
L’ importo ricavato risulta il presunto netto mensile, da dividere per 5 per ottenere il quinto cedibile.

Retribuzione fissa lorda mensile            1.700€  –  27%      =    1.241€ (netti)

1.241€ / 5= 248,00€ che corrisponde al valore della rata.

Calcolo quinto Cedibile per Pensionati

di seguito due esempi di calcolo del quinto per redditi diversi:

Esempio per pensione lorda di 596.50 euro

pensione lorda 596,50
ritenute fiscali 0,00
pensione netta 596,50
pensione minima 502,39
quota cedibile 94,11
*con salvaguardia della pensione minima (€ 502,39 per l’anno 2015), inferiore in questo caso all'importo del quinto = 119,30

Esempio per pensione lorda di 1200,00 euro

pensione lorda 1.200,00
ritenute fiscali 300,00
pensione netta 900,00
1/5 del netto 180,00
quota cedibile 180,00

*con salvaguardia della pensione minima (502,39 per l'anno 2015).

Esclusioni
La cessione del quinto può essere chiesta su tutte le pensioni, ad eccezione di:

  • pensioni e assegni sociali;
  • invalidità civili;
  • assegni mensili per l'assistenza ai pensionati per inabilità;
  • assegni di sostegno al reddito(VOCRED, VOCOOP, VOESO);
  • assegni al nucleo familiare;
  • pensioni con contitolarità per la quota parte non di pertinenza del soggetto richiedente la cessione;
  • prestazioni di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7 – ter, della Legge n. 92/2012

Quando è possibile rinegoziare la cessione del quinto?
Le disposizioni contenute nella legge 141/10 prevedono che per rinegoziare la cessione del quinto il requisito fondamentale sia:
aver pagato il 40% delle rate del periodo di rimborso.

Data inoltre una cessione del quinto di 60 mesi, si potrà procedere alla rinegoziazione solo dopo 24 mesi.

Se il piano di ammortamento in corso è inferiore alle 60 rate, la rinegoziazione potrà essere richiesta in qualsiasi momento a patto che, come nuovo piano di ammortamento, venga scelto un decennale ovvero un piano di rimborso strutturato in 120 rate.

Se invece l'iniziale piano di ammortamento era già in 120 rate, si potrà procedere alla rinegoziazione solo quando saranno state pagate almeno 48 rate.

La rinegoziazione potrà essere effettuata eventualmente a condizioni maggiormente favorevoli presso istituto di credito o società finanziaria differenti da quella che ha erogato il prestito iniziale.

Quali sono i vantaggi?

I vantaggi si riassumono in due parole: utilità e praticità. Il prestito, infatti, è accessibile a tutti coloro che percepisco uno stipendio o una pensione. L’importo è accreditato sul tuo conto corrente, mentre il rimborso della rata del finanziamento viene trattenuto direttamente in busta paga o sul cedolino della pensione.

Come richiederlo?

È semplicissimo. Vieni a trovarci in Filiale: siamo pronti ad ascoltare, e a sostenere i tuoi progetti. Ti aspettiamo.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. L'erogazione è sempre vincolata ad una delibera favorevole da parte dell'Istituto erogante. Per le condizioni contrattuali ed economiche si rinvia al documento "Informazioni europee di base sul credito a consumatori" richiedibile presso le Dipendenze.

 



 

banca di sassari

divisione consumo

 Francesco Saverio Logaldo

Agente in attività finanziaria monomandatario di Banca di Sassari SpA - Iscritto all' Elenco dell' Oam n. A3761 Iscritto alla sezione E R.u.i. N E000281193 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Cell. 349 0608750 Copyright © www.italquinto.it. Tutti i marchi riportati in questo sito appartengono ai legittimi proprietari.

Powered by Expressiva